martedì 21 maggio 2019

Predappio aderisce alla campagna di sicurezza stradale “Attenta-mente” Al via l’installazione di dispositivi tipo “Velo ok” lungo la strada provinciale del Rabbi



Ridurre la velocità dei veicoli in transito lungo la Strada Provinciale n. 3 del Rabbi: con questo obiettivo l'Amministrazione comunale di Predappio, anche in seguito alle segnalazioni di tanti cittadini, ha deciso di aderire alla campagna “ATTENTA-MENTE!” della ditta NOISICURI PROJECT.
Il progetto è partito mesi fa con una campagna di raccolta del numero e delle velocità dei veicoli in transito lungo alcuni tratti urbani della strada provinciale, con il con il coinvolgimento della Polizia Municipale dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese e del servizio Viabilità dell'Amministrazione Provinciale. Dall’indagine è emerso che oltre l'80% dei veicoli non rispetta le limitazioni di velocità esistenti, con punte di oltre 100 km/h.
Sulla base di ciò si è dato il via al programma, che prevede, al momento, l'installazione di 7 box dissuasori-controllo della velocità tipo “velo OK”. In questa prima fase “sperimentale”, i dispositivi saranno installati nelle frazioni di Trivella (2 postazioni), San Savino (3 postazioni), Tontola e Santa Marina. I dispositivi saranno attivati a turno, quale deterrente per gli automobilisti a rallentare la velocità di marcia.
Solo l'eventuale presenza della pattuglia di polizia locale porterà alla contestazione della sanzione, come previsto dal codice della strada. L'iniziativa non ha pertanto quale finalità quella di “fare cassa”: si tratta, invece, di un mezzo utile per educare gli automobilisti a comportamenti più consoni alle caratteristiche delle strade che percorrono, per lunghi tratti poste all'interno dei centri abitati.

MUSEO ALESSANDRIA CITTÀ DELLE BICICLETTE - COPPI DA FAVOLA STORIE, LIBRI E NUMERI DEL GIRO D’ITALIA



Venerdì 24 maggio 2019 - ore 18 - Palazzo Monferrato, Via San Lorenzo 21, Al
Luca Marianantoni e Riccardo Crivelli (La Gazzetta dello Sport) presentano il libro 110 anni in Rosa (edizioni Pendragon);
Elisa Calcamuggi presenta Speciale Fausto Coppi Sky Sport

Il libro - LUCA MARIANANTONI, con prefazione di Francesco Moser: 110 anni in rosa
Storie, imprese e statistiche del Giro d'Italia dalla prima edizione a oggi - Edizioni Pendragon

Un libro che racconta un secolo abbondante della nostra vita e della nostra società. Luca Marianantoni unisce in questo volume le sue passioni, le statistiche e il ciclismo, confezionando un racconto trascinante che, anno per anno e attraverso alcune memorabili immagini, ci fa rivivere le imprese leggendarie dei campioni più amati, affiancate dai risultati di ogni singola tappa. Un'opera completa ed esaustiva, che analizza le 1970 tappe disputate fino al 2018, facendoci conoscere i 64 primi classificati assoluti, le 274 maglie rosa, i 677 vincitori di tappa, i 160 corridori saliti sul podio, i dominatori del Gran Premio della montagna e della Classifica a punti, e le tante curiosità legate a una corsa che, come ci racconta Francesco Moser nella prefazione, "ha una lunga storia ed è un po' di tutti".
L'autore: Luca Marianantoni (Firenze, 30 aprile 1967) scrive da ventidue anni per «La Gazzetta dello Sport» principalmente di tennis e di statistiche. Ha iniziato giovanissimo (nel 1989) occupandosi di numeri a fianco del grande Rino Tommasi. Ha collaborato con la Treccani per l'Enciclopedia dello Sport, l'Ansa, il Messaggero e la Panini per la collana Storia dei Mondiali di calcio (Panini-RCS, 2006). Al tennis ha dedicato una vita intera - è stato inviato in 58 tornei del Grande Slam - e il libro ATP Story (Effepi Libri, 2014). Ha scritto l'Almanacco dello sport (Absolutely Free, 2014), collaborato con Stefano Semeraro al libro Il codice Federer (Pendragon, 2018) e con Gianni Clerici nella stesura degli apparati statistici di 500 anni di tennis (Mondadori, 2013). Per Rizzoli ha curato i DVD I grandi del tennis (2009), la collana di libri I grandi del tennis ai raggi X (2014), le monografie Roger Federer (2012), Rafael Nadal (2013) e i due volumi La storia infinita Federer vs Nadal (2017).
pp. 269, € 16,00, isbn 9788833640457

Le immagini dello speciale curato da Elisa Calcamuggi per Super Sky Sport - Sky Sport 24 in occasione del centenario della nascita di Fausto Coppi ha dedicato una programmazione speciale al Campionissimo all’interno di Super Sport, la rubrica che approfondisce quotidianamente i temi di tutti gli sport olimpici. L’imperativo, in un’occasione del genere, è stato di non ricadere nella retorica e nella banalità, ma è bastato chiacchierare con Egidio Coppi (cugino di Fausto) per trovarsi fra le mani un racconto unico di Fausto, e anche del fratello Serse, nella quotidianità delle loro giornate di campagna fatte di svago, passeggiate, gare allenamenti. La narrazione di Egidio - suddivisa in pillole e unita in un'unica storia per questa serata – è unica e preziosa perché narra di quel pezzo di vita spensierata che lui e i suoi cugini hanno trascorso insieme creando legami esclusivi e rari.  Ora, nel silenzio del borgo di Castellania Coppi, Egidio sembra essere uno degli ultimi custodi di quel tempo trascorso insieme.  Un’anteprima qui

Sagra della Pennetta all’Arrabbiata (18esima edizione)





L’8 ed il 9 giugno 2019, “arrabbiati” un po’ insieme a noi…
sta per tornare la sagra dedicata alla pennetta all’arrabbiata nella sua diciottesima edizione!

La sagra è ormai diventata una vera e propria tradizione per l’intera comunità parrocchiale e territoriale: da anni, infatti, è una consuetudine molto attesa ed un festoso momento per ritrovarsi.

La pennetta all’arrabbiata è un piatto tipico dell’arte culinaria italiana dal sapore deciso e piccante come lo spirito dell’evento che da anni vi proponiamo.
Il cibo veicola gusti e sapori, ma anche storie e conoscenza. Attraverso il cibo possiamo scoprire la nostra storia personale e, nel contempo, quella della collettività. Il cibo è incontro e, soprattutto, condivisione. Cucinare e condividere vivande sono due attività che appartengono esclusivamente all’uomo e a nessun altro essere vivente sulla terra. Sono, di fatto, umanesimo, perché rimandano all’essere umano e celebrano il sapore del mondo.
Alla luce di questa premessa, la sagra è un’occasione per fermarsi, uscire dalla routine quotidiana e rafforzare l’identità della nostra comunità attraverso il sano divertimento e la condivisione in allegria e spensieratezza.
 
L’appuntamento è nel piazzale antistante la chiesa. Qui, le due serate saranno animate dalle esibizioni di alcune scuole di ballo locali e dagli spettacoli musicali messi in piedi dagli alunni del “Don Milani Aliperti” e “A. Pacinotti”, due Istituti Comprensivi di Marigliano.
Le performance allieteranno e accompagneranno la cena il cui menu, realizzato in collaborazione con l’Istituto Alberghiero di Pozzuoli, prevede due primi piatti ed un secondo con contorni.

L’evento si vestirà anche di verde con uno sguardo attento all’ambiente: saranno utilizzati materiali interamente biodegradabili.

La fase di organizzazione della sagra si avvale della partecipazione collaborativa e dell’impegno dei nostri volontari che, insieme allo staff organizzativo, si stanno prodigando affinché potremo vivere due serate speciali che ci appagheranno la fame, gli occhi ma anche il cuore, perché ci sentiremo parte di una comunità che si ritrova e si riconosce facendo festa.

Tempo bianco White Time Incontro / Lecture Tommaso Trini Giovedì 23 maggio 2019, ore 17.00 May, Thursday 23rd, 2019, h. 5 PM




Incontro
Lecture

Tommaso Trini
con la compresenza della matematica / together with the mathematician Bosiljka Jovanovič


In occasione della prima ampia retrospettiva italiana dell’opera di Roman Opałka presso BUILDING, si terrà una conferenza di approfondimento teorico e critico con Tommaso Trini, critico già amico e traduttore dell’artista franco-polacco. Una minima narrazione della biografia animata dell’opera che precede il programma maggiore, qual è OPALKA 1965 /1-∞, fisserà l’essenza etica e geometrica di questo “filosofo amanuense”.
Ripercorrendo il suo programma da 1 alla sua morte, si sosterà lungo la nozione di numero intero genetico, la doppia progressione temporale e cromatica, i progressivi protocolli visivi: “io dipingo la pittura” e le onde delle cifre, gli autoritratti del volto, la registrazione del contare in polacco e, in particolare, la sua doppia diagonale “bianco su bianco”, già abbozzata nei Chronome (1963) e nei Fonemat (1964).
La compresenza di Bosiljka Jovanovič, matematica serba, contribuirà a chiarirci la nozione di numero. L’importante esposizione milanese fa parte di una mostra pensata in due capitoli, aperta anche alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia con la preziosa presenza di due Détail, mai visti prima insieme – la prima tela “contata” del 1965, proveniente dal museo di Łódź, e l’ultima tela tutta bianca ma interrotta dalla morte dell’artista e dunque compimento di tale opera “dall’1 all’infinito”. Un'occasione per dialogare sugli attuali insegnamenti etici e concettuali di un vero maestro.

IL SACRO MESE DI RAMADAN NEL SUQ DI PORTA PALAZZO #Ramadan tour con Chef Kumalé Ore 15h00 - 18h00



Sarà un'edizione speciale quella del food tour di Turisti per Casa guidato da Chef Kumalé che si svolgerà sabato 25 maggio, dalle ore 15 alle 18 nel Mercato Suq di Porta Palazzo, in occasione del Sacro Mese di Ramadan.

Racconterò il profondo significato spirituale, i precetti religiosi, compresi quelli alimentari, della ricorrenza più importante del calendario religioso islamico.
Sarà l'occasione per conoscere i cibi tradizionali con i quali in Marocco e nei Paesi del mondo arabo si "rompe" il digiuno... e ovviamente ne assaggeremo diversi, in un percorso di street food che si snoderà nei luoghi d'incontro della comunità maghrebina torinese, che popola il più grande open air food market italiano.

Conosciuto come il mese del digiuno, poiché dall'alba al tramonto i fedeli di Allah devo astenersi dal cibo e dalle bevande, in realtà può venire considerato come il mese della gastronomia, poiché all'imbrunire:"Quando non distinguerai un filo nero, da uno bianco...", come recita il Corano, dopo aver bevuto un sorso d'acqua e un numero dispari di datteri, le famiglie si danno appuntamento intorno ad una tavola imbandita con i cibi tradizionali di questa ricorrenza.

La comunità marocchina di Torino "rompe" il digiuno con 3 datteri, il frutto sacro del Profeta, con una ciotola di zuppa di legumi harira e con dolci shebbakhya, incredibilmente simili alle cartellate pugliesi!
Il Ramadan rivivrà nei mie racconti di viaggio, testimonianze di "digiuni" forzati vissuti in prima persona nei mercati notturni del Cairo, in piazza Djemaa al Fna a Marrakesh o tra le dolci baklawas del Ramazan turco a Istanbul, passeggiando tra i banchetti improvvisati dalla dadà marocchine che vendono nel Suq di Torino msemmen, rgaif e leben fatti in casa.
Sarà questo il mio contributo alla Città che si prepara ad un voto che sono convinto che saprà preservare quei principi di solidarietà e accoglienza che l'hanno sempre contraddistinta...

lo lo ribadirò dal Porto di Torino, quello di Porta Palazzo, che è sempre stato aperto a tutti.
#oneracehumanrace #primagliesseriumani
Buon Ramadan حسن رمضان

lunedì 20 maggio 2019

In occasione della Milano PhotoWeek 2019 dal 4 all’8 giugno BASE Milano presenta la mostra REALPOLITIK un progetto fotografico Luca Santese e Marco P. Valli del collettivo Cesura CLOSING PARTY Milano PhotoWeek Realpolitik Masquerade Party Sabato 8 giugno, ore 23.30 - 05.00 BASE Milano, Via Bergognone 34 www.base.milano.it

Dal 4 all’8 giugno, in occasione della Milano PhotoWeek 2019, BASE Milano presenta REALPOLITIK: una grande mostra/installazione composta dai ritratti caricaturali degli attuali politici italiani, tratti dall’omonimo progetto fotografico di Luca Santese e Marco P. Valli del collettivo Cesura, e raffigurati su 68 stendardi di grandi dimensioni.

Sabato 8 giugno, all’interno della mostra, si terrà Realpolitik Masquerade Party: il closing party della Milano PhotoWeek dove il pubblico verrà chiamato a partecipare indossando la maschera di un politico italiano e divenendo così parte stessa dell’installazione.

La mostra REALPOLITIK e l’evento Realpolitik Masquerade Party sono una co-produzione di BASE Milano, Music Innovation Hub e Cesura.

Attraverso una sequenza di ritratti satirici dei principali protagonisti della politica contemporanea, che in mostra si compongono e scompongono a seconda del punto di vista dell’osservatore, il progetto REALPOLITIK invita a riflettere sull’iconografia che la classe politica della cosiddetta “Terza Repubblica” si è auto-attribuita, soprattutto attraverso l’uso meticoloso dei social media.

In un momento storico in cui spesso si attribuisce il successo degli attuali partiti di governo a una loro formidabile capacità di gestione della comunicazione, l’obiettivo di REALPOLITIK è quello di provare a sovvertire i canoni che strutturano le immagini presenti sui profili pubblici di Facebook e Instagram dei personaggi politici e della propaganda politica contemporanea attraverso la creazione di un'iconografia fotografica satirica.

Intento dell’intera operazione di REALPOLITIK - che include i volumi Boys Boys Boys (due edizioni), Popolopopolo, Lega Nord Party, MoVimento Lento - è documentare i fenomeni e gli eventi più significativi che stanno caratterizzando il presente politico del nostro Paese attraverso pubblicazioni indipendenti e mostre fotografiche. REALPOLITIK sovverte l’ordine della comunicazione e dell’informazione, aspira al sabotaggio delle parole d’ordine utilizzate dalla politica italiana contemporanea. Obiettivo degli autori Luca Santese e Marco P. Valli è quello di continuare a produrre una costante documentazione autoriale che non si limiti unicamente a registrare gli eventi, ma che possa offrirne una costante visione critico-satirica.
CLOSING PARTY Milano PhotoWeek
Nel contesto della mostra REALPOLITIK, sabato 8 giugno dalle ore 23.30 fino alle 5.00 del mattino, si svolgerà Realpolitik Masquerade Party: closing party della Milano PhotoWeek 2019 e happening musicale curato da Music Innovation Hub, think tank e società di produzione musicale nata nel 2018 a BASE Milano.
La serata prevede un live di Chris Imler, protagonista della sottocultura metropolitana tedesca dagli anni ‘90. Seguiranno 3 set dall'underground milanese: Sense Fracture [Macao], Inner Lakes [Macao] e Xian [Leoncavallo]. Durante l'happening i partecipanti verranno forniti della maschera di un politico italiano a loro scelta divenendo così essi stessi parte integrante dell'installazione.
Ingresso a pagamento.

CANTINE APERTE: CALINVERNO SI DEGUSTA A TUTTO TONDO

Domenica 26 maggio 2019 l’azienda agricola Monte Zovo propone esperienze avvolgenti con Calinverno, il vino simbolo della famiglia Cottini
Calinverno sarà il protagonista di Cantine Aperte all’azienda agricola Monte Zovo di Caprino Veronese. Domenica 26 maggio, in occasione della tradizionale giornata indetta dal Movimento Italiano Turismo del Vino, la famiglia Cottini ha organizzato tre diverse proposte di degustazione, dalle 9.30 alle 18.30 attraverso le quali scoprire il suo vino più rappresentativo. Un uvaggio inedito che vede il connubio perfetto tra le varietà tipiche veronesi Corvina, Corvinone e Rondinella insieme a Croatina e Cabernet Sauvignon. I vigneti coltivati nella tenuta di Caprino Veronese sulle colline dell’anfiteatro morenico, vengono accarezzati dai venti che scendono dalla Valle dell’Adige per consentire una peculiare tecnica di produzione: il doppio appassimento, prima in vigna e poi in cantina.
Durante l’apertura straordinaria si potrà assaporare Calinverno in Cantina, all’interno della Veranda e della Sala del Porticato, dove sarà possibile scegliere alla carta i vini proposti in abbinamento con taglieri di salumi e formaggi. La seconda formula, più strutturata, consiste in una degustazione itinerante negli spazi della cantina dedicati all’affinamento dove insieme a Calinverno, protagonista della giornata, ci saranno in assaggio Bardolino Chiaretto DOC e Oltremonte Sauvignon IGT abbinati a prodotti tipici locali. Previa prenotazione le visite si svolgeranno ogni due ore a partire dalle 10.00 fino alle 16.00. Infine una terza possibilità, Calinverno in Vigna: muniti di cestino da pic-nic accuratamente preparato con alcune prelibatezze, sarà possibile assaporare il Calinverno, sia passeggiando immersi nella natura che circonda l’azienda per conoscere da vicino i vigneti certificati Biodiversity Friends fin dal 2003, sia in caso di brutto tempo scoprendo gli spazi interni dove nasce questo grande vino rosso. Un'idea speciale, disponibile solo su prenotazione.
Il Wine Shop sarà comunque disponibile per degustazioni al banco, con delle proposte dedicate alla giornata.

L’appuntamento con Calinverno tornerà a settembre, con la giornata di Cantine Aperte in Vendemmia. 
Si consiglia la prenotazione al numero 045.7281.301 o email ospitalita@montezovo.com.

Giovanni De Simone: "Ecco perché declino l'invito del Comitato"


Giovanni De Simone, candidato a sindaco di Vietri sul Mare con la lista civica "Uniti per Vietri", ha declinato l'invito a partecipare all'incontro del Comitato vietrese per la difesa dei beni comuni,  oggi, con la seguente motivazione. "Vista l'introduzione del tutto inadeguata all'invito a partecipare al confronto tra i candidati alla carica di Sindaco del Comitato Vietrese per la difesa dei beni comuni, non posso far altro che declinare allo stesso. Non credo sia corretto ed è anzi totalmente fuori luogo invitare ad un confronto partendo dal presupposto che le due liste in campo siano politicamente "inadeguate a dare risposte significative ai problemi di Vietri". Credo che sia la lista 'Uniti per Vietri', di cui sono candidato Sindaco, sia la lista "l'Alternativa", di cui è candidata Sindaco Antonella Scannapieco, abbiano messo in campo dei programmi elettorali per dare le proprie risposte a quelli che sono i temi che considerano validi per il territorio di Vietri Sul Mare. Noi, per quel che ci riguarda, siamo convinti di aver dato già nel nostro programma le risposte alle domande fatte dal su esposto Comitato, ai quali componenti chiedo il perché, visto la loro alta 'saggezza e preparazione' non hanno preso parte, con una loro lista, alla competizione elettorale. Ribadisco che oggi sono presenti 26 candidati alla carica di consigliere comunale (di cui due a Sindaco) i quali cercheranno di portare avanti le proprie idee. Noi, della lista 'Uniti per Vietri' siamo pronti a ricevere i consigli e le idee dei cittadini, di certo non le offese gratuite", ha concluso De Simone.

“IL NOSTRO BAGAGLIO PER ANDARE DA SOLI” SIAMO NATI PER CAMMINARE: PREMIATE OGGI A PALAZZO MARINO LE CLASSI VINCITRICI DELL’EDIZIONE 2019 fra 50 scuole primarie milanesi e 15.000 bambini partecipanti




Sono state premiate oggi a Palazzo Marino, alla presenza del Sindaco Giuseppe Sala e degli Assessori Laura Galimberti e Filippo Del Corno, le classi vincitrici del concorso creativo dell’edizione 2019 di Siamo nati per camminare, l’iniziativa voluta per promuovere l’uso dei mezzi alternativi all’auto privata per i percorsi casa scuola, che quest’anno ha coinvolto 50 scuole primarie milanesi e circa 15.000 bambini in tutta la città, nella settimana dall’1 al 5 aprile.

Siamo nati per camminare è realizzato e curato da Genitori Antismog, con la collaborazione del Comune di Milano e il sostegno di Fondazione Cariplo, e grazie al contributo del main sponsor Centro Medico Santagostino e di ConsiliaRegulatory, Giochi Preziosi/GoPop, Clear Channel/Bikemi. Si ringraziano il Teatro alla Scala e il Piccolo Teatro di Milano.

Con il claim “Il nostro bagaglio per andare da soli”, l’edizione 2019 ha voluto proporre ai bambini, alle scuole e alle famiglie una riflessione sul tema dell'autonomia negli spostamenti quotidiani dei più piccoli e su cosa significhi muoversi da soli.

Un tema scelto perché rappresenta un problema importante, anche se sottovalutato, della realtà milanese (e italiana): a Milano infatti solo il 2% degli alunni delle scuole primarie vanno a scuola senza essere accompagnati da un adulto (dati Comune di Milano/Abcittà, Progetto Pedibus). Questa scarsissima autonomia ha implicazioni negative sullo sviluppo psico-fisico dei bambini e in particolare sulla loro autostima, sulla loro capacità di orientarsi, di socializzare etc.
I vincitori del concorso creativo per l’edizione 2019 di SNPC
Primi classificati
1° A - Scuola Primaria Locchi (I.C. Locchi)
2° A - S.P. Pisacane (I.C. Pisacane Poerio)
3° A - S.P. Duca degli Abruzzi (I.C. Locchi)
4° C - S.P. Duca degli Abruzzi (I.C. Locchi)
5° C - S.P. Anemoni (I.C. Narcisi)

Secondi classificati
1° A - Scuola Primaria Giusti (I.C. Giusti – D’Assisi)
2° B - S.P. Stoppani (I.C. Stoppani)
3° B - S.P. Thouar – Gonzaga, via Brunacci (I.C. Thouar – Gonzaga)
4° C - S.P. Micca (I.C. via Gattamelata) 5° A - S.P. Pisacane (I.C. Pisacane Poerio) 
 
I premi. Tanti, anche quest'anno, i premi attribuiti ai vincitori in occasione della premiazione finale. Grazie al rinnovato accordo con il Comune di Milano – Assessorato alla Cultura, come avvenuto negli ultimi anni, i bambini delle classi vincitrici avranno la possibilità di assistere gratuitamente ad alcuni degli spettacoli per ragazzi più belli della stagione del Teatro alla Scala e Piccolo Teatro.
 
Tra i premi previsti vi saranno anche 40 abbonamenti gratuiti annuali offerti da BikeMi con Clear ChannelGiochi Preziosi darà invece in omaggio una fornitura di zaini trolley GoPop per una delle classi vincitrici, Granarolo offrirà la merenda all'evento conclusivo e Cooperativa Demetra e i Ludosofici regaleranno dei laboratori didattici.

Complimenti alle 10 classi vincitrici che hanno aderito con entusiasmo a questa bella iniziativa. È stata un’occasione di rilievo per riflettere sull’autonomia, un tema molto importante; un valore per i bambini e per le loro famiglie che anche il Comune di Milano porta avanti con iniziative come Scuola Natura, cui ogni anno partecipano circa 13.000 bambini. Questa edizione di Siamo Nati per Camminare è stato dunque un percorso non solo materiale, grazie alla valorizzazione di forme di mobilità sostenibile, ma anche immateriale, capace di insegnare ai più piccoli ad avere fiducia in sé stessi e ai famigliari a credere nelle loro capacità”, commenta l’Assessore all’Educazione Laura Galimberti.

Nessuno cammina 'a mani vuote'. Tutti portano con sé i propri pensieri, le proprie opinioni sulla realtà che incontrano lungo la strada, le proprie idee. Anche i bambini. Per questo è importante che, già da piccoli, i cittadini di domani abbiano la possibilità di stare a tu per tu con le arti, la natura, la bellezza. Un obiettivo condiviso con i nostri Musei Civici, il Teatro alla Scala e il Piccolo Teatro, che anche quest'anno mettono a disposizione occasioni di ascolto e di confronto per dare la possibilità di 'camminare' in modo sempre più consapevole nel mondo", afferma l'Assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Penso a questi bambini che con la forza di un sorriso convincono i genitori a fare una passeggiata, magari con i compagni di classe, fino a scuola o verso le attività del tempo libero. Giovani cittadini che crescono con un mito in meno, quello dell’auto, e fanno un regalo alla comunità e a se stessi. Grazie a Siamo nati per camminare per il grande lavoro di sensibilizzazione e di coinvolgimento, che a volte ci bacchetta ma più spesso ci aiuta a raggiungere l'obiettivo di migliorare la qualità dell'aria che respiriamo in città", afferma Marco Granelli, Assessore a Mobilità e Ambiente.

Fondazione Cariplo punta sulle nuove generazioni, sui ragazzini che salveranno il mondo. Le nuove generazioni ci hanno dimostrato proprio in questi ultimi giorni come hanno a cuore l’ambiente e come sono in grado di introdurre nella loro quotidianità piccole abitudini anche quelle più semplici come il percorso casa-scuola. Fondazione Cariplo ha destinato al settore Ambiente dal 1991 ad oggi circa 170 milioni di euro in parte destinati proprio a progetti di educazione alla Mobilità sostenibile”, afferma Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo. “Siamo infatti convinti che la sensibilizzazione alle tematiche ambientali e il semplice rispetto dell’educazione civica potranno offrire ai ragazzi un futuro migliore”.

L’allarme inquinamento in molte città italiane significa allarme per le funzionalità respiratorie dei più piccoli, come dimostrano numerosi studi scientifici” spiega Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino. “Cambiare si può, anche attraverso piccoli gesti che rendono la città più vivibile, e questa iniziativa è assolutamente coerente con la nostra filosofia che punta sulla promozione di stili di vita corretti, in un'ottica di prevenzione e non solo di erogazione di prestazioni. È inoltre risaputo, e molti studi scientifici lo dimostrano, che l'attività fisica mantiene il nostro corpo in salute. L'ideale, ovviamente, è una pratica sportiva costante, commisurata a età e condizioni fisiche. Ma anche una bella camminata fa bene. Ed è adatta a tutte le età”.
L’edizione 2019. L’obiettivo è stato puntato in particolare sul tema dell’autonomia dei più piccoli, sugli spostamenti, non solo casa–scuola, ma anche all’interno della propria casa, della scuola e all’aperto. Il tema porta inoltre con sé una riflessione su come i genitori, gli insegnanti, i membri di una comunità, possono trovare un giusto equilibrio tra il desiderio di proteggere i bambini e quello di garantire il soddisfacimento del loro naturale bisogno di autonomia.

Cos’è Siamo nati per camminare. È un progetto-gioco sul tema della mobilità sostenibile rivolto agli alunni delle scuole primarie, pubbliche e paritarie, della città di Milano. Per una settimana, dall’1 al 5 aprile 2019, i bambini sono invitati ad andare a scuola a piedi, in bicicletta, skateboard, monopattino, con i mezzi pubblici. Alla base dell’iniziativa è l’idea che un reale miglioramento delle condizioni di vivibilità della città non possa che essere il risultato di un’azione collettiva e sinergica di tutte le parti in gioco: i bambini insieme alle loro famiglie, gli insegnanti, le istituzioni pubbliche e private.

Associazione Genitori Antismog
Membri European Environmental Bureau 
www.genitoriantismog.it
Da 18 anni l’Associazione Genitori Antismog conduce una campagna di azione, sia spronando le amministrazioni a mettere in atto e perseguire una vera politica ambientale, sia contribuendo a diffondere il valore culturale e sociale di scelte di mobilità favorevoli alla salute e al benessere collettiviattraverso iniziative e progetti (scuole, istituzioni, aziende e attività commerciali). L’associazione svolge una continua opera di informazione scientifica, iniziative sul territorio e progetti educativi nelle scuole. Genitori Antismog è membro dell’EEB European Environmental Bureau, la più vasta federazione europea di associazioni ambientaliste. L’associazione vive dei contributi dei soci e di sponsor privati. I membri e gli attivisti sono volontari e cittadini che, con grande passione, prestano tempo, lavoro, competenze professionali.

Arquata Arte Rigenerante Cracking Art e il teatro per i bambini di Arquata del Tronto presenta il musical di fine anno ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE SABATO 8 GIUGNO ORE 21:00 Plesso Scolastico Specchio Dei Tempi Arquata Del Tronto (AP)

L’arte rigenera l’arte e, nel caso di Arquata del Tronto, non solo. Il Comune dell’ascolano infatti, colpito duramente dal sisma del 2016, è stato protagonista per tutto l’anno scolastico 2018/19 di un progetto dedicato ai bambini dell’asilo, scuola elementare e media riuniti tutti nello stesso edificio scolastico.

Da un’idea e con il contributo di Fainplast, azienda del territorio leader nella produzione di compound, e con il coordinamento dell'Associazione Culturale Verticale D'Arte, ha preso vita un progetto che ha messo l’arte al centro del processo di rigenerazione e rinascita della comunità dopo il sisma.

Come farlo se non partendo dai bambini, motore di ogni società, dandogli la possibilità di avere e di riappropriarsi di un luogo di aggregazione attraverso la creatività? È così che l’arte contemporanea di Cracking Art e il teatro della Fly Communications sono entrati nella scuola e hanno coinvolto i bambini per tutto l’anno scolastico, da novembre e maggio, dando vita al musical Alice nel paese delle meraviglie che sarà presentato sabato 8 giugno presso il Plesso Scolastico Specchio Dei Tempi di Arquata Del Tronto.
Il Comune di Arquata del Tronto, racchiuso all’interno di due aree naturali protette - il Parco Nazionale del Gran Sasso e quello dei Monti Sibillini - è da sempre un crocevia di popoli, culture e leggende millenarie che dall’alto medioevo hanno accompagnato la storia di questa terra, simboleggiata dalla Rocca fortificata, l’unica costruzione, seppur lesionata, che ancora è rimasta in piedi nel piccolo paese.
 
Il sisma del 2016 e in particolare la scossa del 30 ottobre, hanno distrutto infatti la maggior parte delle abitazioni e gli abitanti da 1120 prima del terremoto sono oggi scesi drasticamente a 620. Più del 45% della popolazione si è spostata sulla costa o nel capoluogo ascolano, ma in chi è rimasto c’è volontà di resilienza, di adattarsi al cambiamento certo, ma non in maniera passiva, bensì propositiva e attiva, puntando sui bambini e le loro famiglie. Da qui l’idea di Battista e Roberta Faraotti di Fainplast, sponsor di varie mostre e iniziative nel territorio ascolano, di coinvolgere Cracking Art, collettivo artistico che crea installazioni popolate di animali di plastica rigenerata, che ha subito accolto la proposta e ha donato una delle sue rondini alla Scuola di Arquata.

Così è nato il progetto Arquata Arte Rigenerante, che mutua la filosofia che sta alla base di Cracking Art e in un certo senso la fa propria. Cracking Art crea da 25 anni animali in plastica che viene rigenerata mostra dopo mostra e ha coniato lo slogan l’”Arte rigenera l’arte”: l’arte mira alla salvaguardia dell’ambiente, del ricco patrimonio storico artistico, e nel caso di Arquata del Tronto alla rinascita sociale di un territorio colpito fortemente dal Sisma. Cracking Art diventa in questo caso un ossimoro: qualcosa di rotto che può essere ricostruito attraverso l’arte.

La scuola e la palestra di Arquata sono le uniche strutture ricostruite ex-novo grazie alla Fondazione "La Stampa - Specchio dei tempi" attraverso le donazioni dei lettori del quotidiano La Stampa e di fatto sono l’unico luogo di aggregazione del paese. Dall’inizio dell’anno scolastico la rondine di Cracking Art ha fatto il suo nido nel giardino della Scuola di Arquata del Tronto, un nido collettivo e condiviso, che è diventato un luogo di gioco e di incontro, attraverso l’arte, per i 70 bambini dell’asilo e delle scuole elementari e medie.

Arquata Arte Rigenerante non è stato solo questo, ma si è sviluppato anche in un progetto teatrale che da novembre ha coinvolto tutti gli studenti, grazie alla collaborazione con l’Associazione Culturale Fly Communications di Ascoli Piceno.
I laboratori teatrali non hanno contemplato solo la recitazione, ma anche il canto e la danza con l’obiettivo finale di dare vita al musical Alice del paese delle meraviglie che verrà presentato l’8 giugno presso il Plesso Scolastico Specchio Dei Tempi di Arquata Del Tronto e che ha coinvolto tutti i bambini: i più piccoli nei balletti e i più grandi nei dialoghi e nei personaggi principali. Tutto è stato curato nei minimi dettagli, dalle scenografie con proiezioni e luci, ai costumi grazie alla collaborazione di tutto il team di Fly Communications composto da Luca Carboni, Eleonora Ferranti, Alessandra Mazzuca, Erika Franceschini che hanno seguito i ragazzi per tutto l’anno.

Il progetto Arquata Arte Rigenerante, vuole dimostrare che, anche dopo un evento traumatico o una calamità come quella del sisma, è possibile ricostruire non solo gli edifici e le cose, ma anche l’entusiasmo e la volontà di cambiamento ed evoluzione delle persone e quale modo migliore di farlo se non partendo dai bambini e dalla scuola.

Al Casino dell’Aurora Pallavicini tra estasi e gusto




Vino e arte, due espressioni della nostra cultura, ieri come oggi sempre attuali, in quanto entrambe occasioni di dialettica e innalzamento di spirito e palato. E proprio questa è stata la formula vincente che ha ispirato la quarta edizione di “Vino e Arte che passione” - manifestazione ideata e realizzata da CT Consulting Events – in questa primavera, come nelle precedenti, in grado di coniugare il fascino del vino allo splendore artistico del Casino dell'Aurora Pallavicini, gioiello del Barocco romano ubicato sul colle del Quirinale, all'interno del Palazzo Pallavicini Rospigliosi, un tempo sede delle Terme di Costantino.
Oltre cinquanta aziende vinicole, eccellenze italiane, selezionate con accurati criteri, hanno preso parte all'iniziativa svoltasi nel pomeriggio di ieri, domenica 19 maggio, presso la suggestiva cornice del centro storico, che è stata teatro di degustazioni ed esclusive visite guidate alla scoperta di collezioni d'arte private.
Manifesto efficace già negli scorsi anni quello di “Vino e Arte che passione”, con un’offerta di pregio che consente ai presenti di conoscere direttamente storie e segreti dei principali produttori italiani, degustarne le migliori annate e raccogliere pareri e note di sommelier e docenti della FIS Fondazione Italiana Sommelier.
In abbinamento a tale esperienza d’eccezione anche il percorso storico-artistico, durante il quale i convenuti hanno potuto emozionarsi davanti a opere uniche per bellezza e stato di conservazione, come l’affresco de “l’Aurora” di Guido Reni, i dipinti di Luca Giordano, Guido Reni e Annibale Carracci, la facciata impreziosita da lastre di sarcofagi romani del II e III secolo d.C., nonché le sculture antiche della sala centrale, ossia la Minerva, la Diana cacciatrice e la Pastorella.
"Ogni edizione una sfida, che cela dietro lavoro e impegno, unitamente alla ferma convinzione in tale progetto, audace, lungimirante e dedicato con passione e amore alla città di Roma, la quale necessita sempre più di operazioni simili.  Con soddisfazione abbiamo chiuso questa quarta edizione, non smettendo di registrare entusiasmo da parte di pubblico e critica, nonché un record di presenze” dichiara Ciro Formisano, responsabile e fondatore CT Consulting Events, società specializzata nell’organizzazione di eventi legati al food & beverage, che così prosegue: “La nostra mission non è soltanto quella di valorizzare il dna enologico e artistico del Paese, sposando vini eccellenti a opere d'arte di altissimo valore, ma anche avvicinare pubblico e produttori, gente comune e collezioni private, così da mettere a disposizione la bellezza in ogni sua forma e declinazione insieme alla consapevolezza tecnica e non relativa a due settori tanto caratteristici del nostro patrimonio".
“‘Vino e Arte che passione’, format romano di successo ma certamente esportabile, vuole essere una riflessione rotonda sul made in Italy e sulla sua percezione all'estero, sigillo di garanzia ed eleganza che ci permette di camminare a testa alta in Europa e nel mondo. Come nella moda, anche nel comparto agroalimentare e museale siamo maestri di eccellenza e abbiamo l’arduo compito di custodire quelle ricchezze che ci vengono dalla terra, dal clima e dal genio secolare”, afferma Antonio Pocchiari, cofondatore e anima della CT Consulting.

Numerosissimi i partner che hanno presentato nella giornata di ieri la migliore produzione per l'anno corrente, tra cui:

Baglio di Pianetto, Barone di Serramarrocco, Borgo Conventi, Borgogno, Bossi Fedrigotti, Canevel, Cantine Biondelli, Casa E.Mirafiore, Castello del Terriccio, Castello di Gabiano, Castello di Pomino, Castello Sonnino, Castiglion del Bosco, Col d’Orcia, Colognole, ColSaliz, Conte Emo Capodilista, Conte Leopardi, Famiglia Cotarella, Fattoria Aldobrandesca, Frescobaldi, Le Marchesine, Le Mortelle, Letrari, Le Vide, Marchese Antinori, Masi Agricola, Mazzei, Nonino, Paolo e Noemi d’Amico, Perusini, Petrolo, Pomario, Principe Pallavicini, Prunotto, Ridolfi, Rivera, Ruffino, Serego Alighieri, Siddurra, Tasca Conti d’Almerita, Tenuta Ammiraglia, Tenuta Capofaro, Tenuta Castelgiocondo, Tenuta Fiorano, Tenuta Montenisa, Tenuta Perano, Tenuta Pescarina, Tenuta Prima Pietra, Tenuta Regaleali, Tenuta San Leonardo, Tenuta Sella, Tenuta Tascante, Tenuta Tenaglia, Tiefenbrunner, Istituto Trento Doc, Villa Era, Zaccagnini. 

L'iniziativa è stata realizzata grazie al contributo di: Banca Patrimoni Sella & C, Chopard, Porsche Centri Porsche di Roma, Trento Doc, Rocchetta, Nonino, Paolo e Noemia d’Amico.

FIERA NAZIONALE DEL PEPERONE “Peperò” | 70^ edizione dal 30 agosto all’8 settembre 2019 a Carmagnola (TO)

Tutti gli eventi sono gratuiti tranne le cene e le degustazioni del Salone Antichi Bastioni. www.fieradelpeperone.it


Arriva al prestigioso traguardo dei 70 anni la Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola, la più grande manifestazione fieristica italiana dedicata a un prodotto agricolo che propone 10 giorni di eventi gastronomici, culturali ed artistici per tutti i sensi e per tutte le età.

Ci sarà “Il Foro Festival”, evento collaterale con concerti di artisti di fama nazionale in una grande arena allestita per 5000 spettatori, teatro e cabaret, l’Accademia San Filippo con talk food, seminari d’assaggio e show-cooking con il giornalista Paolo Massobrio, la storica Piazza dei Sapori, una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio, cene e degustazioni a tema, iniziative solidali, area bimbi, mostre, convegni, la grande rassegna commerciale e altro ancora…

Dal 30 agosto all’8 settembre 2019 si svolge la 70^ edizione della “Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola - Peperò”, una delle più grandi e qualificate manifestazioni italiane nel settore dell’enogastronomiala più grande dedicata a un prodotto agricolo, che ogni anno propone 10 giorni di eventi gastronomici, culturali, artistici, sportivi ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte le fasce di età.

In un’enorme area espositiva di circa 18.000 mq i visitatori troveranno concerti, teatro e cabaret, la storica Piazza dei Sapori ed altre aree enogastronomiche, la rassegna commerciale con più di 200 espositori, l’Accademia di San Filippo con talk food, seminari d’assaggio, show-cooking e altri eventi con il giornalista Paolo Massobrio, una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio, la tradizionale Festa di Re Peperone e la Bela Povronera con sfilata di centinaia di personaggi in costumi d’epoca, Bambini in Fiera con attività e spettacoli in un’area dedicata, cene e degustazioni a tema nel Salone Antichi Bastioni, iniziative solidali, mostre, convegni, esibizioni sportive, ecc…

Un importante evento collaterale è “Il Foro Festival”, manifestazione che dallo scorso anno propone concerti con artisti di fama nazionale in una grande arena allestita per accogliere 5000 spettatori all’interno del Foro Boario di Piazza Italia. I concerti saranno a pagamento ed i nomi degli ospiti verranno annunciati entro il mese di giugno.

La Fiera quest’anno festeggia l'importante traguardo dei 70 anni con un premio giornalistico internazionale e con una grande mostra che ripercorre il suo cammino, in una città ricca di storia che offrirà la sua consueta ospitalità in un affascinante e variopinto spettacolo di mercati, iniziative ed eventi.

La partecipazione al premio giornalistico è gratuita, la deadline è fissata al 31 luglio e maggiori informazioni sono reperibili nel sito www.comune.carmagnola.to.it 

La mostra verrà inaugurata il 4 luglio nei locali del bellissimo castello che ospita palazzo comunale e sarà fruibile fino a settembre. Nel percorso musivo si potranno conoscere tante curiosità, trovare i manifesti – dal primo ciclostilato della rassegna del 1949 a quello del 1951 disegnato dal pittore Mario Cavazza – vedere uno splendido repertorio fotografico che documenta i 70 anni di questa grande manifestazione popolare e tante ricette, come quelle vagliate nel 1965 dall’allora direttrice de La Cucina Italiana Anna Gosetti della Salda e le idee geniali del ristoratore Renato Dominici che, tra gli anni Novanta e i primi Duemila ideò la Piazza dei Sapori per portare in fiera, accanto al peperone, i migliori prodotti tipici del territorio torinese.

Da nove anni la kermesse viene riconosciuta ufficialmente come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale e nelle ultime edizioni ha registrato un crescente successo con oltre 250.000 visitatori ogni anno e una grande ricaduta economica sul territorio, stimata in 25 milioni di euro negli ultimi 5 anni di rilevazione, dal 2014 al 2018, da una qualificata ricerca universitaria.
È anche una delle più grandi manifestazioni urbane in Italia, con vie e piazze che vengono trasformate nell’aspetto e nel nome e con una attenta ricerca sulla qualità e sul legame coi territori che permette di proporre le migliori eccellenze nazionali ed accontentare tutti i gusti.

Per i più piccoli e per le famiglie viene proposto Bambini in Fiera con ampi spazi allestiti nei Giardini Unità d’Italia e con il palco Pepper Magic Show che propone spettacoli ogni sera con teatro, magia, baby dance, ecc…

Tra le iniziative solidali ci saranno cene con ricavato devoluto in beneficenza e l’iniziativa “Carmagnola, la Città, il Mondo”, esposizione di artigianato a cura di associazioni locali per i loro progetti nelle aree più bisognose del mondo.
Tutti gli eventi sono gratuiti tranne le cene e le degustazioni a tema organizzate nel Salone Antichi Bastioni ed i concerti del collaterale “Il Foro Festival”.

I protagonisti principali saranno però, come sempre, il Peperone, la Città di Carmagnola, il gusto e la cucina.

Il Peperone si potrà acquistare e gustare nelle sue quattro note tipologie morfologiche riconosciute dal consorzio dei produttori - il quadrato, il corno di bue, il trottola e il tomaticot- che, raccolti manualmente dalla fine di luglio rispettando un severo disciplinare di produzione, sono apprezzati in tutta Italia per caratteristiche uniche di qualità e genuinità che si prestano alle più svariate preparazioni. Per tradizione, nella prima domenica della Fiera viene organizzato il Concorso Mostra/Mercato del Peperone riservato ai produttori locali con gli eccezionali vincitori che vengono battuti all’asta per beneficenza. 

Molti eventi, mostre ed allestimenti puntano a far conoscere e valorizzare il grande patrimonio architettonico e culturale di una città ricca di storia, di mercati e di manifestazioni tradizionali legate alla cultura popolare locale.

Le cene e le degustazioni a tema nel Salone Antichi Bastioni, momenti conviviali con portate raffinate preparate con prodotti di eccellenza del territorio, vengono riproposte sulla scia del successo riscosso nelle ultime due edizioni. Le cene e le degustazioni sono a pagamento e prevedono serate con ricavato da devolvere in beneficenza.

Il Paniere dei prodotti tipici della Provincia di Torino, con una selezione dei migliori produttori locali, sarà nel Salone Fieristico Agroalimentare di Piazza Italia insieme a un’altra novità dell’edizione: una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio curata dall’Ufficio Agricoltura del Comune in collaborazione con la giornalista Renata Cantamessa, il Consorzio del Peperone, la Coldiretti, la CIA di Torino (Confederazione Italiana Agricoltori), la Società Orticola di Mutuo Soccorso Domenico Ferrero e diverse altre associazioni e ditte del territorio.

CHI ORGANIZZA LA 70^ FIERA NAZIONALE DEL PEPERONE
La Fiera Nazionale del Peperone è organizzata dal Comune di Carmagnola in collaborazione con la Pro Loco. 

La gestione e la ricerca degli espositori sono a cura dell’agenzia Totem di Chiavari (GE) che, insieme all’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori, collabora per il sesto anno al progetto di innovazione della storica manifestazione.

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO: 
Ufficio Manifestazioni del Comune - Tel. 011.9724222/270 – cell. 3343040338

Domenica 9 giugno 2019 a Sutrio, festa golosa fra i monti del Friuli “I Cjarsòns, la tradizione della Carnia” Per conoscere gusti, forme ed ingredienti di questa sorta di gustoso raviolo carnico che vanta oltre 50 variazioni

Hanno radici lontane ed esotiche i Cjarsòns, sorta di golosi ravioli, piatto simbolo della Carnia, intatte montagne friulane le cui valli sono state solcate da tempo immemorabile da commerci, passaggi di persone, culture ed idee dal mare Adriatico ad Oltralpe, verso le attuali Carinzia e Baviera.

La loro origine è legata ai cramârs, i venditori ambulanti di spezie che, dal ‘700, attraversavano a piedi le Alpi per vendere nei paesi germanici la loro preziosa ed esotica mercanzia acquistata a Venezia e riposta nella crassigne, una sorta di piccola cassettiera di legno che portavano a mo’ di zaino sulle spalle. Quando tornavano a casa, era festa grande e le donne preparavano i Cjarsòns, agnolotti di pasta di patate con ripieno a base di ricotta impastata con una ricchissima varietà di ingredienti: spezie, frutta secca, uva sultanina, aromi orientali, erbe aromatiche...quanto insomma rimaneva sul fondo dei cassetti della crassigne.

Ancora oggi in Carnia moltissime sono le ricette dei Cjarsòns, il cui ripieno varia non solo da paese a paese ma anche da famiglia a famiglia; se ne contano oltre 50 variazioni. Ogni massaia, ogni ristorante ne ha la propria, utilizzando al meglio la dispensa e abbinando alle spezie ingredienti freschissimi quali mele, patate, spinaci, uvetta, mentuccia, erbe primaverili. Tocco finale, il condimento: una semplice spolverata di scuete fumade (ricotta affumicata) e ont (burro fuso).

A questa golosità è dedicata in giugno ogni anno a Sutrio (incantevole borgo ai piedi del monte Zoncolan) la festa “I Cjarsòns, la tradizione della Carnia”. Quest’anno l’appuntamento è per domenica 9 giugno. Passeggiando fra le 10 isole di degustazione allestite negli angoli più caratteristici del paese, si potranno gustare i sapori inconsueti di questa pietanza e conoscere le diverse anime che caratterizzano un cibo d’origine sicuramente povera, ma complesso e ricco d’ingredienti quanto un piatto di alta ristorazione. 10 paesi, in rappresentanza di tutte le vallate della Carnia, proporranno ciascuno la propria ricetta tradizionale. Si potranno così degustare cjarsòns salati o dolci, insaporiti da erbe primaverili o da piccole scaglie di cioccolato, con melissa e cipolla oppure con pere secche e carrube, accompagnati ai più pregiati vini di grandi aziende friulane, selezionati per l’occasione.

Per vivere a pieno la festa, si può alloggiare a Sutrio a Borgo Soandri, l’albergo diffuso con le stanze (o meglio mini appartamenti con cucina arredati di tutto punto) ricavate dalla ristrutturazione di antiche case del paese. Per l’occasione, è stato messo a punto un Pacchetto weekend Festa dei Cjarsòns (info: www.albergodiffuso.org).


Per informazioni:
Albergo Diffuso Borgo Soandri